Navigate / search

JANE Mc ADAM FREUD

ON IDENTITY

Periodo : 7 maggio – 12 luglio 2014
Orario : da martedì a sabato 16.00-19,30. Mattino su appuntamento
Incontro con l’Artista : promosso da Genova Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, martedì 6 maggio alle ore 18.00, Sala Minor Consiglio, Palazzo Ducale, Genova.
Inaugurazione : in Galleria, mercoledì 7 maggio alle ore 18,00, presente l’Artista

L’esposizione personale di Jane McAdam Freud comprende una serie di sculture, fotografie e lavori su carta, alcuni dei quali inediti ed esposti per la prima volta.
Attraverso le sue opere l’artista inglese, figlia del grande pittore Lucian Freud e bisnipote di Sigmund Freud, costruisce la ricerca della propria identità e riflette sul rapporto con le proprie radici culturali e parentali, in special modo nei confronti del padre e del bisnonno.
Un rapporto che si rivela difficile fin dall’infanzia, quando Jane vede la relazione col ramo paterno frantumarsi inaspettatamente a causa della brusca separazione dei suoi genitori, Katherine McAdam e Lucian Freud.
Per ventitre anni, Jane non vede il padre Lucian – che si va affermando come uno dei massimi pittori inglesi contemporanei – e anche il rapporto col bisnonno Sigmund, padre della psicanalisi, le viene « precluso » dalla ferma volontà della madre di elidere il cognome Freud dai nomi dei suoi quattro figli, rimuovendo così la presenza dell’ identità paterna che Jane riscoprirà solo dopo essersi affermata come artista, precisamente a partire dal premio Freedom of the City of London che riceve nel 1991.
Artista poliedrica, Jane ama spaziare nei diversi media. In Us è il volto dell’amato Lucian ad essere il suo riferimento essenziale: usa in modo magistrale la tecnica del collage inserendo il proprio volto dentro quello del padre. Le due immagini, dalla somiglianza sorprendente, si fondono in una nuova identità, in un desiderio di appropriazione della figura paterna che nasce dall’angoscia dell’abbandono.
La somiglianza emerge prepotentemente anche nella recente serie di sculture in metallo con i due profili del padre e dell’artista stessa a confrontarsi come in uno specchio.
Viana Conti scrive nel testo critico in catalogo: “ L’evento espositivo risponde ad una selezione di opere sottesa alla tematica dell’identità, richiamata anche nel titolo On Identity, scelta da Giovanni Battista Martini. Una scelta che orienta, necessariamente, ma anche ampiamente e senza particolari preclusioni, il campo di lettura nonché gli strumenti di analisi critica. Negli effetti di rispecchiamento, di presa di distanza, a partire dalla complessa costellazione familiare, affiorano e prendono evidenza formale e virtuale le figure dell’identità e dell’alterità, della somiglianza, del doppio, del frammento, della copia speculare, della memoria, del dispositivo di appropriazione, del percorso di individuazione e di appartenenza genealogica, psicologica, sociale, culturale, artistica. “

 

Jane Mc Adam Freud vive e lavora a Londra, è laureata al Royal College of Art e insegna come professore associato presso la Central St.Martins School of Art. Ha ricevuto la borsa di studio British Art Medal a Roma e il premio italiano Zecca dello Stato. Nel 2014 ha vinto il 14esimo premio annuale European Trebbia Award a Praga. Ha esposto i suoi lavori in Europa, Stati Uniti, Asia e Russia e le sue opere figurano tra le altre, nelle collezioni del British Museum, Londra; dei Berlin Staatliche Museen; della Galleria Nazionale di Atene; dell’ Archivio della National Gallery di Londra; del Victoria and Albert Musem, Londra.

 

In occasione dell’esposizione verrà edita una pubblicazione monografica con la riproduzione delle opere esposte, corredata da testi critici di Viana Conti e Nicola Davide Angerame.

 

Per ulteriori informazioni e/o richieste di materiale iconografico si prega di telefonare al n° 010 586962

 

http://www.martini-ronchetti.com

e-mail: info@martini-ronchetti.com

Leave a comment

name*

email* (not published)

website